Leonardo Leo - Dalla morte alla vita di Santa Maria Maddalena

a cura di: Cosimo Prontera

Disponibile/In stock

40.00 €

Aggiungi al carrello


Dal 20 al 26 luglio del 1722 l’opera sacra Dalla morte alla vita di Santa Maria Maddalena fu rappresentata con grande successo ad Atrani, ridente cittadina della costiera amalfitana di cui Maddalena è santa patrona, su un testo di Carlo De Petris – uno dei pionieri della commedia per musica in lingua napoletana – e musica del ventottenne ma già affermato compositore Leonardo Leo, nato in Puglia a San Vito degli Schiavi (oggi dei Normanni, vicino Brindisi) e destinato a divenire uno dei più celebri maestri della cosiddetta “scuola musicale napoletana”. L’opera, ricordata soltanto dai Giornali napoletani dell’epoca e ritenuta scomparsa in tutte le biografie e dizionari moderni su Leo, è riapparsa improvvisamente sul mercato antiquario parigino nel 2009, segnalata dal musicologo Dinko Fabris a Cosimo Prontera, direttore del Centro Studi Leonardo Leo di San Vito dei Normanni, il quale, dopo averla studiata ed eseguita in prima moderna in concerto ad Atrani e in Puglia con il suo insieme barocco La Confraternita de’ Musici, ha realizzato l’edizione critica della partitura (che qui si pubblica), con una dettagliata Introduzione, che colloca quest’opera nella produzione di Leo e, più in generale, nell’ambiente di Napoli capitale culturale dell’Europa del Settecento, con riferimenti al mito di Maddalena da prostituta a santa, immagini del manoscritto e apparati. La ricostruzione del libretto di De Petris e la supervisione scientifica sono a cura di Dinko Fabris.
Questa edizione critica inaugura una nuova sezione della collana musicale “Le vie dei suoni” di Cafagna Editore, dedicata all’edizione di musiche sconosciute o di difficile consultazione, che indirizzano la ricerca musicologica più avanzata al servizio della pratica musicale storicamente informata.

Cosimo Prontera è titolare della cattedra di Organo e composizione organistica presso il Carlo Gesualdo da Venosa – Conservatorio di Potenza, dove è anche docente di Pratica del basso continuo e Organo antico. Dal 2015 insegna Organo alla Notre Dame University di Beyrut. È fondatore e direttore artistico-musicale dell’Orchestra barocca “La Confraternita de’ Musici”. All’attività didattica e concertistica – si è esibito in Italia, Europa, Medioriente e Stati Uniti – affianca quella della ricerca musicologia indagando in quell’immenso serbatoio di musicisti che diedero vita alla cosiddetta “scuola napoletana” tra il XVII e XVIII secolo e in particolare su Leonardo Leo. Nel 2003 pubblica la prima edizione scientifica de Le Composizioni per Tastiera di Leonardo Leo. Ha tenuto conferenze e concerti sulla didattica napoletana dei secoli XVII e XVIII alla Musikwissenschaftliches Institut di Basilea e alla Haendel House di Londra divenendo membro della British Harpsichord Society. Ha ideato e progettato il LHO Project (Lucania Historical pipeOrgan), programma in progress che redigerà un’anagrafe scientifica di tutti gli organi storici della Basilicata. Dirige a San Vito dei Normanni il Centro studi e documentazione “Leonardo Leo” e, dal 1997, è il direttore artistico del Barocco Festival – Leonardo Leo.

Fai clic sui link per scaricare i file


ISMN: 9790900108708
Pagine: 464
Anno: 2020