Ottavio De Lillo
Quando la musica riconcilia con il mondo

a cura di: Massimo De Lillo

Disponibile/In stock

20.00 €

Aggiungi al carrello


A dieci anni dalla scomparsa del Maestro, questo volume riunisce le testimonianze e i saggi di coloro che hanno condiviso i momenti più importanti della sua formazione e del suo percorso creativo e professionale, e offre inoltre il catalogo ragionato delle sue opere.
"De Lillo è un compositore barese, radicato nella sua città e per ora destinato a risuonare soprattutto qui, nella sua terra. Il mondo della musica colta, affamato di eventi e talvolta luccicante d’ignoranza, non ha spazio per la poesia sommessa e discreta di chi ha cose belle e intelligenti da dire, ma le dice da un luogo distante, con voce bassa, timidamente. Però la marginalità, la provincia, non sono solo esclusione dalle luci dello star system. Sono anche una scelta, che talvolta può rivelarsi assai potente e profetica, ed emettere, come un faro, una luce sicura, certa, regolare e necessaria…" (Emanuele Arciuli).
"Quando si riesce a far musica contemporanea con soli accordi di terza e quinta, si è al di là della barricata…" (Raffaele Gervasio).

Ten years after the Maestro's death, this book brings together the testimonies and essays of those who shared the most important moments of his training and creative and professional career, while also providing a catalogue raisonné of his works.
"From Bari, composer De Lillo was deeply bound to his city and for the moment is destined to resound above all here in his land. The world of cultured music, eager for events and at times aglitter with ignorance, finds little space for the subdued and discreet poetry of one who has a great deal of worth while things to say, but says them from afar, in a low and unassertive voice. But marginality and the provinces are not merely exclusion from the lights of the star system. They are also a choice, which can sometimes be powerful and inspired, and, like a beacon, emit a reliable, certain, regular and necessary light ..." (Emanuele Arciuli).
"When you manage to make contemporary music with only third and fifth chords, one is beyond the barricade..." (Raffaele Gervasio).

Ottavio De Lillo (1948-2001), compositore e didatta barese, è stato uno dei musicisti più rappresentativi nella storia del Conservatorio “N. Piccinni” di Bari. Allievo di Giuseppe Binetti e Aldo Tramma per il pianoforte e di Armando Renzi e Francesco d’Avalos per la composizione, la musica corale e la direzione di coro, nel 1974, chiamato dal direttore Nino Rota, comincia ad insegnare nel Conservatorio della sua città, dove, dal 1979, ricoprirà la cattedra di Fuga e composizione. Alle tradizioni e alla cultura della sua terra ha dedicato alcune delle pagine più significative della sua ampia produzione: la favola musicale Chemmà Gatte, la Messa Odegitria e la cantata La leggenda di San Nicola.

Ottavio De Lillo (1948-2001), a composer and teacher from Bari, was one of the most representative musicians in the history of the N. Piccinni Conservatory of Bari. A pupil of Giuseppe Binetti and Aldo Tramma for the piano and of Armando Renzi and Francesco d'Avalos for composition, choral music and choir conducting, in 1974, he was invited by director Nino Rota to begin teaching at the Bari Conservatory. He held the chair of Fugue and Composition from 1979. He dedicated some of the most significant pages of his extensive production to the traditions and culture of his land: the musical fable Chemmà Gatte, the Messa Odegitria and the cantata La leggenda di San Nicola.

  
 


Nessun file disponibile


ISBN: 9788896906064
Pagine: 308
Anno: 2012